Benvenuti sullo shop online Saicosatispalmi

blogger

  • Blogger/Influencer: come le vorrei...

    sondaggio bloggerCirca una settimana fa ho pubblicato un sondaggio sul mio canale Instagram. Tutto è nato da una grande discussione (che io non sapevo essere tale!) nata nel social, riguardante un invio di prodotti eccessivo, a detta di molti, a varie blogger, senza tenere conto del loro tipo di pelle. Si è quindi parlato di spreco, si sono sollevati dubbi su quanto veritiere potessero essere le recensioni, molti hanno osservato come il marketing ecobio stia diventando sempre più simile a quello tradizionale, nel suo lato peggiore.

    Ho quindi deciso di parlare in diretta Instagram toccando vari temi, che riguardano meccanismi in cui siamo tutti inseriti. Presto, se sei iscritta alla newsletter, ti manderò i link per guardarla - o ri-guardarla.

    Oggi invece vorrei fare un po' un'analisi dei risultati del sondaggio. Prima però una grande e importante premessa: i sondaggi sono una cosa seria e complessa. Lo so, perché ho studiato tecniche di ricerca sociale, con tutta una grande parte riguardante la costruzione di una ricerca che prevede anche sondaggi. Le domande devono essere strutturate in un certo modo, ci devono essere domande di richiamo che servono a verificare che la persona non se la stia (o ce la stia) raccontando, non bisogna essere induttivi, e fatto salvo tutto ciò, bisogna selezionare accuratamente un campione che sia rappresentativo.

    Ecco, tutto questo non si può fare con i sondaggi Instagram, quindi diciamo che quello che sto per scrivere riguarderà una "tendenza" generale di chi mi segue su Instagram - e non di tutto il mondo! Spero sia molto chiaro questo :) Ci sono state una media di 300 risposte, che non sono tantissime ma nemmeno pochissime, quindi diciamo che possiamo fare un minimo di bilancio.

    Veniamo alle domande - e alle risposte:

    1. Segui blogger/Influencer prevalentemente su:
      - Instagram
      - blog
      - youtube
      - non seguo nessuno

    La stragrande maggioranza delle votanti ha risposto Instagram. Ma questo ha molto senso ed è quasi scontato, considerando che Instagram è proprio la piattaforma su cui ho lanciato il sondaggio ;) Interessante però che il blog sia stato votato pochissimo, quindi mi chiedo: prevale una fruizione "fast" anche dei contenuti? Si preferisce l'immediatezza di una foto o di una storia, rispetto ad un approfondimento che può essere fatto solo con spazi più grandi in cui condividere (come sto appunto facendo io qui...)?
    Oppure semplicemente si poteva votare un'opzione unica, quindi non è detto che chi segue su Instagram poi non decida di visitare il blog per le questioni che hanno più appeal per lei/lui?
    Altra cosa interessante riguarda la risposta "non seguo nessuno". Questa in realtà era una piccola trappolina:  non segui nessuno ma stai rispondendo ad un mio sondaggio, quindi mi stai seguendo. Certo, io non sono una blogger/influencer come mediamente si intende, ma in qualche modo ho una voce che stai ascoltando.

    2. Segui gruppi Facebook Ecobio?

    Circa un 60% ha risposto di sì.

    3. Secondo te la media delle influencer è:
    - molto competente
    - scarsamente competente
    - non so
    - competente su alcuni temi sì e su altri no

    Un buon 55% ha scelto la seconda risposta: scarsamente competente. Una sola persona ha indicato la prima risposta, mentre un'altra buona fetta, circa il 40% ha scelto l'ultima opzione.
    Purtroppo non c'è modo su Instagram di specificare ulteriormente, per esempio indicando blog seguiti e in che modo li si giudica. Come dicevo sopra, prendiamo queste risposte come un dato di una tendenza, che si potrebbe approfondire con una ricerca seria.

    4. Cosa ti aspetti da un influencer?
    - buoni sconto
    - consigli mirati sui prodotti
    - informazioni sul mondo ecobio
    - tutte le novità

    Più o meno il 53% si aspetta consigli mirati sui prodotti. Qui si aprirebbe un mondo, se ci pensi: mirati sulla tua pelle? Mirati nel senso di molto tecnici e specifici? In ogni caso l'importante qui è l'abbinamento consigli+prodotti. Quindi la maggioranza di chi ha risposto al sondaggio si aspetta di essere consigliata.
    Un altro 25% invece cerca informazioni sul mondo ecobio, presumibilmente quindi aspetti eco in generale, non solo di cosmesi. C'è poi chi si attende notizie su tutte le novità e una piccola parte (8% più o meno) che desidera buoni sconto.

    Se incrociamo un attimo i dati delle due domande sopra, potremmo pensare che, a livello generale, la maggior parte delle votanti vorrebbe consigli mirati, ma trova le blogger scarsamente competenti.
    In più, ci sono poche persone che hanno ammesso di seguire qualcuno per avere sconti, come principale obiettivo (grazie della sincerità, girls!), e questo dato mi stona un pochino con il 60% che segue i gruppi. Anche qui, bisognerebbe approfondire, so che lo sto ripetendo tanto ma siamo in un'epoca dove basta una parola per dichiarare una verità, e non è questo ciò che desidero.

    Ma andiamo avanti, perché qui arriva un dato che cozza parecchio con i precedenti, a mio avviso:

    5. Secondo te, le aziende:
    - lanciano troppi prodotti
    - lanciano pochi prodotti
    - non so

    Ecco, a questa domanda un buon 80% ha risposto che lanciano troppi prodotti. Allora mi (e ti chiedo): ma se vai su un blog/canale proprio per avere consigli mirati sui prodotti, però poi dici che le aziende ne lanciano troppi, non c'è una contraddizione?
    Bisognerebbe fare un discorso sui tempi di pubblicazione: per avere molto seguito di solito occorre pubblicare tanto, quindi o si pubblicano contenuti nuovi o...? Lascio a te la parola.

    6. Hai mai acquistato una box molto scontata da un influencer?

    Quasi l'85% dice di no, solo un 7-8% sì, mentre in 7 non si sa di cosa si stia parlando, risultato tutto sommato in linea con la domanda sui buoni sconto.

    7. Se segui qualche influencer/blogger, cerchi un contatto?
    - sì, mando anche messaggi privati
    - no, seguo e basta
    - sì, attraverso i commenti

    La metà segue e basta. Un 30% manda anche messaggi privati, mentre un 20% commenta pubblicamente. Sarebbe interessante indagare ulteriormente, trovo significativo che ci sia una polarità tra seguire e basta e cercare un contatto diretto e personale.

    8. Quanto è importante per te il tempo con cui la blogger abbia testato un prodotto?
    - tanto
    - abbastanza
    - poco
    - per niente

    Per il 75% è tanto importante, per il 20% abbastanza, pochissime persone hanno scelto poco o per niente importante. Certo, se vogliamo consigli sui prodotti, se i prodotti usciti sono tanti, se si deve rimanere sul pezzo... dove lo si trova il tempo di testare accuratamente? La pelle si rinnova ogni 28 giorni, fai tu i calcoli!

    Ma veniamo alle risposte alla domanda 9:

    9. C'è qualcosa che vorresti da un influencer ma che secondo te non fa?

    Ho ricevuto parecchi messaggi, che trascrivo così come sono arrivati:

    • "Recensire i prodotti sul lungo periodo, dopo averli accuratamente usati e terminati. Lo vedo fare a pochissimi ormai"
    • "Vorrei più onestà e meno pubblicità su prodotti miracolosi"
    • "Sì, vorrei che, visto che le aziende tirano fuori prodotti in continuazione e sono tutti copia e incolla tra brand, fare poi un reale confronto tra lo stesso prodotto di brand diversi. Dato che alla fine dei giochi chi compra non è che usa il prodotto una settimana e poi passa ad un altro come loro che li provano. Se compro una crema la finisco e ci possono volere mesi. Esempio so che non farai mai i nomi è per farmi capire. XXX siero acido ialuronico confronto con YYY ecc altri sieri di altri brand [...] Vorrei che facessero capire quale realmente è valido e quale no. Così facendo forse le aziende se la finiscono di copiarsi tra loro i prodotti".
    • "La verità... purtroppo vanno a simpatia e a soldi".
    • "Essere sincera"!
    • "Non essere solo una vetrina, invece molte sono solo questo".
    • "Pubblicizzare prodotti che usa realmente e di cui è fermamente convinta dell'efficacia, e non per una questione prettamente economica".
    • "Vorrei che fossero meno omologate. Che non parlassero tutte degli stessi prodotti".
    • "Sicuramente vorrei sincerità, spontaneità e coerenza. Vorrei che dietro ai consigli ci fosse un lavoro di ricerca. Intendo dire che invece di provare e consigliare una valanga di prodotti a caso (in base a ciò che riceve senza fare una selezione di ciò che è più in linea con le sue esigenze) si costruisse delle routine ragionate. Invece vedo ragazze che usano mille prodotti, cambiando crema ogni settimana o mischiando ogni giorno cose nuove, senza dare tempo al prodotto di agire. Posso capire se si parla di makeup, ma un siero o una crema viso non potrà mai essere valutata in un paio di settimane (se va bene). Allora mi sta bene che debbano mostrare prodotti nuovi, ma parlando delle caratteristiche generali, della texture, degli ingredienti (che molte di loro ignorano), di cip che promette. Ma le recensioni devono fare parte di una routine quotidiana ben strutturata. Oggi una blogger (che seguo perché fa dei bellissimi makeup) parlava del nuovo siero di XXX ricevuto una settimana fa (facendo vedere il flacone nuovo) e diceva che le aveva cambiato la pelle! Io ormai non mi fido neanche più delle recensioni delle utenti nei gruppi, perché la maggior parte sono piegate al marketing. La blogger di turno parla bene di un prodotto, tutte gridano a miracolo! Se faccio un post dove parlo di un prodotto non di punta avrò massimo un paio di risposte. Mi ricordo che avevo scritto un post sulle maschere YYY e nessuno mi aveva risposto. Dopo un paio di mesi la capa del gruppo ne parlò, e il mio post tornò fuori e ottenne decine di domande su come mi fossi trovata"!
    • "Dire la verità su un determinato prodotto".
    • "Vorrei più competenze specifiche (almeno una infarinatura base di chimica e dermatologia) quando si parla di prodotti per pelli reattive, macchiate, problematiche ecc. e soprattutto vorrei meno sprechi. Trovo inutile promuovere il bio e l'ecosostenibile se poi si comprano 10 prodotti skincare, 5 balsami e 3 fondotinta nuovi a settimana, magari poi lasciati nel cassetto a irrancidire per mesi. Vorrei più consapevolezza di quello che serve davvero (non per forza una routine minimalista, ma nemmeno l'accumulo sfrenato), e vorrei che il messaggio partisse anche dalle influencers con grandi numeri".
    • "Che continuasse a usare i prodotti dei quali ha parlato benissimo e non li abbandonasse se davvero sono così efficaci"...
    • "Dovrebbe riconoscere pubblicamente che le aziende inseriscono in commercio troppi prodotti nel giro di poche settimane ed essere più critiche su questo aspetto".
    • "Secondo me a volte per stare troppo dietro alle novità del momento si spersonalizzano, nel senso che i loro contenuti diventano uguali a quelli di tutti gli altri che stanno promuovendo la stessa cosa e anzichè seguire un'impronta personale dando un valore aggiunto seguono solo l'andamento del mercato, sostanzialmente se sfogliassi un volantino del supermercato sarebbe la stessa cosa".

    Quello che mi salta agli occhi, formulando una sintesi, sono i temi:

    realismo sulla prova (tempi adeguati)
    - sincerità
    - personalizzazione
    - competenze

    Adesso lascio a te la parola: se sei utente, ti trovi in linea con questi risultati? Anche tu ti aspetti queste cose dalle blogger? Credi che siano aspettative realistiche o difficili da vedere esaudite?

    Se sei una blogger/influencer: cosa ne pensi? Senti di stare rispondendo a queste aspettative? qual è il tuo punto di vista, e quali difficoltà riscontri da parte tua?

     

     

     

1 oggetto(i)


Cosmesi naturale ecobio, cruelty free: realista, trasparente, etica: la cosmesi che voglio!